Estate a Pomezia 2021 in musical: “Tristano e Isotta” il 17 luglio e “Re Artù Pendragon” il 31 luglio

Il musical epico arriva a Pomezia 2021

TRISTANO E ISOTTAL’AMORE È PIÙ FORTE DI TUTTO

Opera di Simone Martino
Tristano Luca Giacomelli Ferrarini
Isotta Eleonora Esse
Re Marke Cristian Ruiz
Re Donnchadh Paolo Gatti
Kolat Giovanni De Filippi
Bragnae Myriam Somma
Melot Danilo Ramon Giannini
Morolth Stefano Colli
Ensemble Valerio De Negri – Francesca Longhin – Paola Lovati

Sabato 17 Luglio 2021 Pomezia

Gli inglesi stanno cercando di allearsi per far fronte alla minaccia irlandese, ma i nemici attaccano sterminando molte famiglie. Una di queste è quella di Tristano che, rimasto orfano, viene cresciuto da Lord Marke, potente signore a capo della lega delle tribù britanniche. Anni dopo, il giovane Tristano, ferito in battaglia, arriva in Irlanda e lì viene curato in segreto da Isotta, figlia del re d’Irlanda. I due giovani s’innamorano, e il loro amore finirà per influenzare il corso gli eventi.

__________________________________________________

RE ARTÙ PENDRAGON

Opera di Simone Martino
Re Artù Francesco Antimiani
Lancillotto Luca Marconi
Ginevra Sara Ghiglia
Merlino Giovanni De Filippi
Morgana Valentina Naselli
Dama del Lago Eleonora Esse
Mordred Danilo Ramon Giannini
Ginevra giovane Margherita Rebeggiani
Artù giovane Flavio Civitani

Sabato 31 Luglio 2021 Pomezia

Uther di Pendragon con l’aiuto di Merlino, mago e consigliere, sottomette le popolazioni circostanti, grazie alla spada Excalibur che da immenso potere a chi la possiede. Stipulato un trattato di pace, il re, in un momento di lussuriosa follia, violenta la moglie di un feudatario provocando un’altra guerra. Questa volta Uther muore in combattimento ma prima di spirare conficca la spada nella roccia lanciando un avvertimento: “Solo chi estrarrà Excalibur dalla roccia potrà unificare l’Inghilterra ed essere suo re“.

Passano gli anni e il figlio di Uther, Artù, nato dal rapporto carnale con la donna che suo padre violentò, un giorno estrae la spada e da allora, sotto la guida di Merlino, diventa re, riunifica nuovamente la nazione, trasforma Camelot nella capitale, fonda la Tavola Rotonda e sposa la regina Ginevra.

Intanto Lancillotto, cavaliere alla ricerca di un re che sia degno dei suoi servigi, incontra Artù; il re, dopo schermaglie iniziali lo nomina suo campione. Ma il fido cavaliere s’innamora, ricambiato, della regina Ginevra ma è smascherato di questo tradimento al consiglio della Tavola Rotonda, che lo costringe all’esilio. Parsifal è nominato cavaliere e istruito nella ricerca del Santo Graal. Dopo la partenza di Lancillotto, il regno sprofonda nel caos.

La fata Morgana, acerrima nemica di Merlino dà alla luce, con oscuri sortilegi, il figlio che dovrà spodestare Artù. Entrambi, Artù e Modred, dopo una sanguinosa battaglia muoiono, e Parsifal obbedendo all’ultimo volere del suo re lancia la spada Excalibur nel lago, luogo da dove magicamente emerse tanti anni prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *