Dal 12 al 20 febbraio il Festival ScienzaInScena Atto Quadrato si trasforma e diventa ScienzaPerAria

Festival ScienzaInScena 2021 – ScienzaPerAria

Dal 12 al 20 febbraio il Festival ScienzaInScena Atto Quadrato si trasforma e diventa ScienzaPerAria con incontri, racconti e spettacoli presentati in rete attraverso il sito www.pacta.org, il canale YouTube di PACTAdeiTeatri SALONE e la pagina Facebook del teatro

Al via il Festival ScienzaInScena Atto Quadrato che si trasforma e diventa dal 12 al 20 febbraio 2021 il Festival ScienzaPerAria.

La quarta edizione del Festival, presentato a settembre in conferenza stampa, prodotto da PACTA . dei Teatri, con la direzione artistica di Maria Eugenia D’Aquino, in collaborazione con le principali istituzioni scientifiche nazionali tra cui il Politecnico di Milano, l’INAF Istituto Nazionale di Astrofisica, il Civico Planetario di Milano e il festival Teatro della Meraviglia di Trento, non si ferma e, per restare al passo con questi faticosi tempi, cambia forma presentandosi in rete attraverso il sito internet www.pacta.org, il canale YouTube di PACTAdeiTeatri SALONE e la pagina Facebook del teatro.

“Il coronavirus non è l’unico a potersi permettere delle ‘varianti’. – spiega Maria Eugenia D’Aquino curatrice del Festival – In barba a quest’esserino che ci ha costretti all’esilio dal palcoscenico, a privarci del calore del nostro pubblico che per ben tre Stagioni ci ha seguito nei nostri percorsi teatralscientifici, anche il nostro Festival ScienzaInScena Atto Quadrato si è trasformato, ha creato la sua ‘variante’, diventando ScienzaPerAria…perché è saltato tutto per aria, perché, non potendo vivere sulla scena, vivrà nell’etere, per aria, appunto”.

A partire dal 12 febbraio 2021 verranno presentati 9 giorni di iniziative in rete dedicati al racconto delle scienze, con ospiti d’eccezione, artisti e scienziati in dialogo tra loro e con il pubblico. Una no stop di appuntamenti per spaziare tra moltissimi contenuti scientifici – microbiologia, algoritmi e politica, astrofisica, archeoastronomia, scienze mediche – per continuare a costruire un percorso di commistione di linguaggi, di intersezione, di visioni.

Il programma

Il 12 febbraio alle ore 20.30

Ouverture del Festival

TEATRO MICROSCOPICO: la microbiologia è di scena

Talk in live streaming al PACTA Salone

con Stefano Bertacchi, ricercatore e divulgatore scientifico, Andrea Brunello, attore e regista, Maria Eugenia D’Aquino, direttrice del festival e attrice | produzione PACTA . dei Teatri

La talk sarà trasmessa live anche attraverso Twitch: https://www.twitch.tv/pacta_deiteatri

Sulla scena, al PACTA Salone, uno scienziato e un libro fresco di stampa. In occasione della recentissima pubblicazione del suo ultimo libro, Piccoli geni – Alla scoperta dei microrganismi, edito da Hoepli 2021, Stefano Bertacchi, in dialogo con la direttrice del festival e con uno storico ospite delle precedenti edizioni di ScienzaInScena, nonché a sua volta direttore di un Festival di Teatro e Scienza a Trento, Andrea Brunello, condurrà in un viaggio fantastico nel microcosmo, un tour avventuroso nel corpo umano, nel kingdom dei piccoli geni che lo popolano, con i loro nomi bizzarri a volte impronunciabili, esserini che si muovono, mangiano, cacciano, si fanno la guerra, ma allo stesso tempo collaborano tra loro e anche con esseri viventi ben più grandi, quali noi umani, ricoperti come siamo, dalla testa ai piedi, di microrganismi. Dall’inferno dantesco alla macchina del caffè, un invito a lasciarsi stupire da questi piccoli geni per le qualità che gli scienziati hanno osservato a lungo e applicato ai più disparati scopi, dai detersivi alle plastiche del domani. Uno scenario meraviglioso per i due teatranti che, da pionieri del teatro scientifico in Italia, giocheranno con Bertacchi a immaginare la microscopica società sulla scena.

Stefano Bertacchi, Biotecnologo Industriale, dal 2021 Dottore di Ricerca in Tecnologie Convergenti per i Sistemi Biomolecolari presso l’Università degli Studi di Milano – Bicocca. Si occupa dello sviluppo di bioprocessi basati su sottoprodotti industriali, mediante l’uso di microrganismi geneticamente modificati o meno. Divulgatore scientifico, via social media ed eventi scientifici. Ha pubblicato per Hoepli “Geneticamente modificati – Viaggio nel mondo delle biotecnologie” con cui ha vinto il Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica Under 35 nel 2017.

Il 13 febbraio alle ore 20.30

SURVEILLANCE POLITICS: libertà nell’era digitale

Talk in live streaming al PACTA Salone

con Massimo Mazzotti, Director Professor Department of History University of California, Berkeley, Riccardo Mini, drammaturgo autore dei testi del TeatroInMatematica e Maria Eugenia D’Aquino, direttrice del festival e attrice | produzione PACTA . dei Teatri

La talk sarà trasmessa live anche attraverso Twitch: https://www.twitch.tv/pacta_deiteatri

Algoritmi, politica, libertà, democrazia, Capitol Hill, censura, sorveglianza, digital humanities, sono solo alcune delle parole chiave intorno a cui si muove lo storico e filosofo della Scienza Massimo Mazzotti confrontandosi con l’inventrice del TeatroInMatematica, Maria Eugenia D’Aquino e Riccardo Mini, il primo autore in Italia a trasformare in trame e personaggi ostici argomenti matematici. Chi sono i signori delle nostre vite? L’era che stiamo vivendo, caratterizzata da uno sviluppo senza precedenti della tecnologia, sfida la democrazia e mette a rischio la nostra stessa libertà? Perché quando si pensa una nuova borsa che piacerebbe o a un particolare elettrodomestico o l’auto dei sogni, questi oggetti si materializzano in un riquadro pubblicitario nell’articolo che si sta leggendo online?

“Gli algoritmi sono potenti produttori di mondo. Di chi sarà il mondo che faranno?” si chiede Massimo Mazzotti. Il futuro dell’umanità è davvero quello che prospetta Shoshana Zuboff, psicologa e scrittrice, nel suo libro Il capitalismo della sorveglianza?

Massimo Mazzotti, Director Professor Department of History University of California, Berkeley, ha recentemente pubblicato in italiano Maria Gaetana Agnesi e il suo mondo. Una vita tra scienza e carità, Ed. Carocci 2019; è stato il consulente storico scientifico per lo spettacolo di PACTA sulla matematica, filosofa, benefattrice dal titolo Né brutta né bella e illustra la materia che poi la scrittura creativa di Riccardo Mini traspone in azione scenica, come da anni avviene nel progetto TeatroInMatematica, alcuni testi del quale sono contenuti nel libro Il caso, probabilmente Ed. Scienza Express.

Il 14 febbraio dalle ore 15.30

ScienzaPerAria for kids

NINA DELLE STELLE – puoi salvare il mio pianeta

Contributo video

a cura dell’attore regista Filippo Tognazzo della compagnia Zelda Teatro

Una delicata favola moderna sul legame indissolubile fra uomo, Natura, istruzione e diritti. Filippo Tognazzo regala ai bimbi dai 4 anni in su, una performance virtuale, un po’ racconto, un po’ lettura, un po’ animazione, che li trasporta con Nina a cercare un pianeta bello quanto il suo, dove raccogliere, piante, animali e altre meraviglie per provare a ricostruirlo e ripopolarlo. Purtroppo il pianeta di Nina e Bibi, un tempo verde, lussureggiante e pieno di vita, è ormai ridotto a un desolato deserto. La vorace Ponzia Panza, il folle inventore Tullio Sballio e l’ignorante Savio Sola hanno sterminato gli animali e le piante, distruggendo perfino le scuole. Riusciranno i bambini ad aiutare Nina nel suo intento?

Il 15 febbraio per tutta la giornata

APPUNTI DI UN CORPO

Contributo video

di e con Sara Parziani, attrice autrice di ROMANZO DI UN’ANAMNESI, testo selezionato dal progetto Scritture | ideazione artistica di Lucia Calamaro | vincitore del Primo premio della VI edizione del Premio L’Artigogolo-scrittori per il teatro | produzione Teatro Periferico | con la partecipazione della dottoressa Alessandra Bassotti, Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, esperta della sindrome di Ehlers-Danlos

L’autrice immagina che possa essere proprio una lettera scritta da un corpo a guidare il pubblico a scoprire i meandri di una ‘malattia rara’. È un corpo che si racconta, fragile, che spesso fatica a farsi capire dagli altri perché spesso non capisce nemmeno sé stesso, ma che si trova a essere così com’è. Racconta la sua storia, quello che gli è successo, come si è sentito, come si sente, cosa pensa della fragilità, del non sentirsi sempre adeguato…

Parlano le mani, le ginocchia, che si muovono come marionette. Appunti, tracce, spunti che il corpo trasmette, che l’autrice/attrice raccoglie. Il contributo permetterà anche alla dottoressa Alessandra Bassotti, esperta della sindrome di Ehlers-Danlos, di approfondirne i risvolti scientifici.

Il 16 febbraio per tutta la giornata

IL DOTTOR SEMMELWEIS

storia dell’uomo che scoprì l’importanza di lavarsi le mani

Contributo video

di e con Fabio Banfo e la regista Serena Piazza sul lavoro teatrale | produzione Effetto Morgana

Uno degli imperativi che più ha echeggiato e ha attraversato l’intero Pianeta in questo anno di pandemia è stato e continua a essere quello di lavarsi accuratamente le mani, di disinfettarsele. Questo semplice gesto preventivo, che la nostra attuale quotidianità ha amplificato, non era così ‘scontato’ fino alla seconda metà del 1800, quando il dottor Semmelweis, per combattere l’epidemia di febbre puerperale che mieteva centinaia di vittime nel reparto di ostetricia dell’ospedale di Vienna, scopre la contaminazione batterica, per pura intuizione, senza l’utilizzo dei microscopi che permetteranno poi a Pasteur di dimostrare l’esistenza dei batteri. Semmelweis arriva a questa scoperta attraverso l’osservazione empirica, investendo tutto sé stesso in una indagine che lo porterà a fare una richiesta alle autorità ospedaliere: disinfettarsi le mani prima di entrare in ostetricia. Nonostante il successo della sua profilassi igienica, le sue teorie gli arrecheranno scherno, odio e danni alla carriera, fino a condurlo alla follia.

Fabio Banfo rivela la genesi dello spettacolo e invita a riflettere su come spesso la Verità emerga a un prezzo altissimo, tra le coltri dell’ignoranza e della superstizione.

Una pietra miliare della letteratura del ‘900, Louis-Ferdinand Céline, ne raccontò per primo la storia nella sua tesi di laurea in medicina, che divenne poi il libro Il dottor Semmelweis, Ed. Adelphi 1975.

Il 17 febbraio per tutta la giornata

PAROLE MUTE 2.0

una testimonianza sull’Alzheimer

Contributo video

di e con Francesca Vitale, autrice, attrice e avvocata, sul suo lavoro teatrale, con il regista Manuel Renga | produzione Associazione culturale “LA MEMORIA DEL TEATRO”

Il testo di Francesca Vitale riceve il Premio Enriquez nel 2009 e da allora l’autrice attrice non smette di portare in scena la sua testimonianza diretta con una delle malattie più crudeli, l’Alzheimer. Francesca e il regista Manuel Renga regalano in questo video alcuni momenti di questo percorso, di questo ultimo atto d’amore verso un grande padre, ripercorrendo le tappe di un rapporto mai chiuso. Una testimonianza di quanto si possa imparare da un’esperienza dolorosa, attraverso la comprensione di tutti quei meccanismi di comunicazione extraverbale che le persone colpite dall’Alzheimer posseggono e che consentono loro di rompere le barriere culturali che noi “sani” abbiamo e che spesso ci impediscono di essere fino in fondo quello che siamo.

Uno strumento di stimolo e informazione per quanti ne vogliano sapere di più su questa patologia.

Il 18 febbraio per tutta la giornata

FLY ME TO THE MOON

dietro le quinte

Contributo video del making of dello spettacolo di Andrea Brunello | con Laura Anzani e Andrea Brunello | regia e disegno luci Fabrizio Visconti | produzione Arditodesìo|Jet Propulsion Theatre

ospite dell’edizione 2019 del Festival ScienzaInScena Atto √2 | si ringrazia Stefano Oss per il contributo alla realizzazione del video

Fly Me to the Moon è uno spettacolo sulla incredibile epopea delle avventure lunari degli anni ’60, culminate con i successi clamorosi delle Missioni Apollo.

In questo video Andrea Brunello illustra alcune fra le più incredibili vicende delle missioni lunari americane ed esplora il mondo degli astronauti e di tutti coloro che hanno reso possibile il grande sogno di Kennedy di portare un uomo sulla Luna entro la fine del decennio 1960.

Non manca un’investigazione sulla scienza del volo fuori dall’atmosfera, cosa vuole dire “andare in orbita” e, in maniera narrativa, una digressione sulla Luna, com’è nata, come si è trasformata in milioni di anni e come interagisce con la Terra giorno dopo giorno, permettendo la vita stessa sul nostro pianeta. 

Il 19 febbraio per tutta la giornata

PIRAMIDI E STELLE

Contributo video

di e con Giulio Magli, archeoastronomo, direttore del Dipartimento di Matematica del Politecnico di Milano | voci recitanti Maria Eugenia D’Aquino e Riccardo Magherini | introduzione a cura di Stefania Origoni Ferroni e Riccardo Vittorietti de LOfficina del Planetario – Civico Planetario di Milano | produzione PACTA . dei Teatri in collaborazione con Politecnico di Milano

L’inventore dell’Archeoastronomia, Giulio Magli, regala al pubblico momenti preziosi del viaggio tra le Piramidi, ormai un ‘cult’ del Festival ScienzaInScena, con le testimonianze ‘dirette’ degli antichi abitanti di quei luoghi. Un intenso viaggio virtuale, un piccolo assaggio dell’immenso patrimonio che Giulio Magli ha raccolto nelle sue pubblicazioni nel corso degli anni, come tra gli altri: Misteri e scoperte dell’archeoastronomia. Il potere dalle stelle, dalla preistoria all’isola di Pasqua, Newton & Compton, 2005; I segreti delle antiche città megalitiche, Newton & Compton, 2007; Archeoastronomia. Da Giza all’Isola di Pasqua, Pitagora, 2009; Archaeoastronomy: Introduction to the Science of Stars and Stones, 2020, Springer.

Il 20 febbraio ore 21.00

BLACK BLACK SKY

Performing Universe

Spettacolo in streaming

spettacolo di scienza-teatro-danza

ideazione Maria Eugenia D’Aquino, Giorgio Rossi, Stefano Sandrelli | con Elisabetta Bonfà, Maria Eugenia D’Aquino, Savino Italiano, Riccardo Magherini, Anna Moscatelli, Annig Raimondi, Giorgio Rossi | testi Stefano Sandrelli | regia Giorgio Rossi e Riccardo Magherini | disegno luci Tea Primiterra | video Giacomo Mosconi | assistenza tecnica Alessio Rosi | coproduzione PACTA . dei Teatri – Associazione Sosta Palmizi | con il patrocinio di International Astronomical Union e INAF Istituto Nazionale di Astrofisica | progetto realizzato con il sostegno di Fondazione Toscana Spettacolo onlus e Regione Toscana – progetto Così remoti, così vicini – Nuove idee per un teatro a distanza presso Teatro Comunale Mario Spina in collaborazione con Comune di Castiglion Fiorentino e CapoTrave/Kilowatt | con il sostegno del circuito CLAPS

Il biglietto di €5 è acquistabile dal sito www.pacta.org

Lo spettacolo, in attesa di poter essere fruito dal vivo, viene proposto come esperienza in streaming. Nasce nell’ambito di una ricerca di commistione di linguaggi a cura di Sosta Palmizi e di PACTA dei Teatri e INAF con l’obiettivo di rendere ‘vivente’ l’approccio scientifico all’interpretazione della realtà per contribuire ad avvicinare studenti e studentesse alle materie scientifiche.

L’unica ‘jam session’ teatralscientifica dove astrofisica, danza e prosa si avvicendano raccontando con leggerezza e profondità l’universo, mandata in rete dal Teatro Mario Spina di Castel Fiorentino (AR). A partire dalla Luna di Galileo, le 4 lune di Giove, le prime scoperte di vulcani su altri pianeti a opera di una giovane precaria della Nasa, Linda Morabito, per proseguire con l’esplosione di scoperte degli ultimi vent’anni che hanno portato a identificare oltre 4 mila pianeti, gli attori, in una sorta di story telling alternato a racconti di fantascienza e poesie, colgono gli spunti forniti dai danzatori in un flusso continuo in cui ci si interroga, attraverso movimento, musica, parole, versi, sui grandi temi dell’Universo. Siamo soli nell’Universo? E i buchi neri? Che cosa c’entra Euclide con i buchi neri? E così, saltando, danzando tra pianeti, stelle, buchi neri, alleniamo le nostre percezioni a comprendere che lo spazio e il tempo sono deformabili e che questa grande scoperta ci permette di rotolarci sulle increspature delle onde gravitazionale. I testi e le suggestioni scientifiche sono creazioni originali di Stefano Sandrelli, responsabile dell’Inaf e collaboratore dell’Agenzia Spaziale Europea.

Stefano Sandrelli, è responsabile della didattica e della divulgazione dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). Ha collaborato per quindici anni con l’Agenzia Spaziale Europea. Astrofisico di formazione, per la collana “Feltrinelli Kids” ha pubblicato In viaggio per l’universo. Attraverso l’Italia leggendo il cielo (2009), Quanti amici. Sulle onde della fisica moderna (2012) e, insieme a Samantha Cristoforetti, Nello spazio con Samantha (2016; premio speciale Giancarlo Dosi per la divulgazione scientifica assegnato dall’Associazione italiana del libro) e Di Luna in luna (2019).

——————-

Tutti gli appuntamenti saranno gratuiti, a eccezione dello spettacolo del 20 febbraio per cui è richiesto un biglietto simbolico: “il nostro viaggio nello spazio – scherza la curatrice del Festival – per meno di un pacchetto di sigarette”.

Tutti gli eventi partecipano all’iniziativa LA LETTURA INTORNO, un progetto ideato e promosso da Bookcity Milano e Fondazione Cariplo, che promuove la lettura nei quartieri di Milano come veicolo di coesione e di valorizzazione di tutte le risorse presenti in tali aree.

CONTEST Sarà lanciato un contest per le scuole che prevederà la pubblicazione sui canali del teatro del miglior video divulgativo a contenuto scientifico. Le classi che parteciperanno potranno raccontare la storia di figure di rilievo in ambito scientifico, spiegare concetti fisici e matematici, narrare importanti scoperte attraverso l’utilizzo di linguaggi differenti (musica, disegno, canto, slam poetry, recitazione…).

Tutti gli appuntamenti del Festival trasmessi in rete attraverso il sito www.pacta.org, il canale YouTube di PACTAdeiTeatri SALONE e la pagina Facebook @pactasaloneviadini sono gratuiti, a eccezione dello spettacolo del 20 febbraio per cui è richiesto un biglietto simbolico di €5 acquistabile dal sito www.pacta.org

INFO – PACTA SALONE – via Ulisse Dini 7, 20142 Milano

Per informazioni: www.pacta.org – mail biglietteria@pacta.orgpromozione@pacta.org – tel. 0236503740 – ufficio scuole: ufficioscuole@pacta.org

Orari uffici solo per contatto telefonico: dal lun al ven dalle ore 16.00 alle ore 19.00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *