Il 2 e il 30 luglio, nell’ambito della rassegna “Raffaello per Roma”, andrà in scena “Gentile Circe”

ETHEREA OMNIS

presenta

ELISABETTA DE PALO

in

“GENTILE CIRCE”

drammaturgia e regia di Riccardo Bàrbera

il 2 e il 30 luglio, nell’ambito della rassegna “Raffaello per Roma”, andrà in scena “Gentile Circe” con Elisabetta De Palo, Carla Tutino, la drammaturgia e regia di Riccardo Barbera.

Del viaggio dei viaggi, quello di Ulisse, ci rimangono l tanti mondi da lui attraversati e le figure emblematiche che ha incontrato, che l’hanno sconvolto e mutato e che lui stesso ha sconvolto e mutato. Tra queste la più misteriosa e intrigante: Circe, la maga. Circe l’indecifrabile, Circe la lussuriosa, Circe la maga/strega, pericolosa quanto affascinante. È figlia del Sole (Helios) e sorella di Pasifae (che partorì il Minotauro): in lei luci ed ombre si mescolano. Circe che non si accontenta, Circe che non è umana e non è Dea, Circe che soffre terribilmente per amore, che si strazia e che strazia, che condanna e perdona, terribile e benigna, Circe che ti dà buoni consigli, Circe che nutre o avvelena, Circe che è una donna in tutto e per tutto e che, quindi, è un mistero.

In tanti hanno scritto di Circe: Omero, Ditti Cretese, Esiodo, Virgilio, Darete Frigio, Benoît de Sante-Maure, Giovanni di Salisbury, Dante Alighieri, Pasquale Anfossi…. ma lei, Circe, a chi ha scritto? …e chi le ha scritto? In scena si ricostruisce una suggestiva raccolta di lettere, un epistolario mitologico segreto, conservato gelosamente per millenni e ora disvelato. Tanti e diversi gli stili , come capita in tutte le corrispondenze. C’è la lettera scherzosa, la confessione dolorosa, la confidenza curiosa, c’è la lettera d’amore, ci sono gli Dei sentenzianti, ci sono lettere “commerciali” con informazioni di servizio.

In tanti vi hanno parte o come scriventi o come destinatari: Ulisse stesso, il figlio Telegono, la dea Athena, Hermes, le rivali Calypso, Nausicaa, Penelope, uno sconosciuto marinaio troiano… Scrivono a lei, scrivono di lei. e… infine, sarà lei stessa scrivere per sé, a dettare quel che alberga di un cuore di donna, mitica quanto normale. Tutte le lettere sono interpretate da una Elisabetta de Palo come sempre poliedrica e sorprendente, accompagnata dalle suggestioni musicali scelte e proposte da Carla Tutino, al contrabbasso.

CAST

ELISABETTA DE PALO Attrice e cantante, dopo la formazione con Eduardo, Piera degli Esposti e con Angelo Corti, ha frequentato la Scuola Popolare di musica di Testaccio. Ha lavorato in teatro con molti registi fra i quali Aldo Trionfo, Nando Gazzolo, Riccardo Reim, Walter Manfrè, prediligendo autori contemporanei come Gianni Guardigli, Reim, Giuseppe Manfridi, Dimitri Patrizi e tanti altri. Fra gli spettacoli che ama ricordare ci sono: “René da Chauteaubriand” (regia di Riccardo Reim), “Sognare forse…” (da Shakespeare, regia di Walter Manfrè), “Scendono le parole, suonano le campane” di Gianni Guardigli. La popolarità è arrivata con il piccolo schermo, dove per dieci anni ha interpretato un personaggio molto amato in “Vivere”, e altre fiction e film. Nel 2017 ha interpretato il ruolo della Contessa in “Suburra” 1 e 2, e quello di Lenù (adulta) ne “L’amica geniale” tratto dalla quadrilogia di Elena Ferrante. Di prossima uscita “Duetto” un film prodotto da Nexus in cui è protagonista a fianco di Giancarlo Giannini.

CARLA TUTINO Contrabbassista di formazione principalmente classica, specializzata nella prassi esecutiva barocca. Ha svolto e svolge un’intensa attività cameristica e orchestrale con importanti formazioni, spaziando dal barocco al classico, dal popolare alla musica colta. Fra le tante formazioni con cui ha collaborato e collabora: “Concerto Italiano” di Rinaldo Alessandrini, “Orchestra Barocca Italiana”, “Solisti Aquilani”, Teatro dell’Opera di Roma, “Roma Sinfonietta”,“Freon”,“La banda della ricetta, “Quadrondo quintetto”. Ha lavorato e lavora per registrazioni di musiche perfilm, con Ennio Morricone, Nicola Piovani, Franco Piersanti, Paolo Buonvino. Importanti le collaborazioni in teatro con Nicola Piovani , “ Compagnia della Luna”, Maria Maffei e, insieme a Sandra Ugolini, Paolo Emilio Landi.

L’AUTORE RICCARDO BÀRBERA è attore, prevalentemente teatrale, drammaturgo e autore radiofonico e cinetelevisivo. Si diploma alla «Silvio D’Amico» studiando drammaturgia con Andrea Camilleri e Maricla Boggio. Dall’88 iniziano a essere messi in scena suoi 39 testi teatrali interpretati da attori come Nando Citarella, Walter Maestosi, Simona Marchini, Roberto Herlitzka Ennio Coltorti, Emanuela Rossi, Massimo Popolizio oltreché dalla compagnia francese THEATRE TANGENTE VARDAR. !° Premio “palcoscenico per la storia 2005 con “Alma la musa del secolo” e 1° premio come miglior testo nazionale ARTIGOGOLO 2019 con “Hotel Poe Intensa anche l’attività di autore radio-tv: con Radio1Rai, poi in TV sia in RAI che in MEDIASET e con ODEON TV e RAI-SAT SHOW. Collabora con varie case editrici (cura riduzione e regia di «Audiolibri del terrore» per Eclectica). Dal 1997 al 2001 ha fatto parte del dipartimento creativo della società TRIANGLE Production. (con Silvio Testi, Marco Salvati e Paolo Taggi) lo spettacolo è disponibile da febbraio 2021 Gentile Circe… è agilissimo: prevede una inquadratura nera, e una postazione specifica per il contrabbasso, per il resto ha solo piccoli elementi scenici. 

gentile-circe-defin-1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.