Dal 27 maggio al 1 giugno 2022 al Teatro Gioiello di Torino sarà in scena “L’OSPITE INATTESO” della Compagnia Torino Spettacoli

venerdì 27 maggio ore 21 (con repliche fino al 1°giugno)
sfizioso “fuori programma” per il cartellone Fiore all’occhiello
anteprima nazionale 
del nuovo giallo di Agatha Christie prodotto da Torino Spettacoli

L’OSPITE INATTESO 

al Teatro Gioiello di Torino

Con venticinque anni di specializzazione in Agatha Christie al suo attivo (Trappola per topi, La tela del ragno, Assassinio sul Nilo e Caffè nero nero Poirot) Torino Spettacoli firma la nuova produzione L’ospite inatteso: pièce teatrale scritta da Agatha Christie nel 1958, fu adattata per la letteratura da Charles Osborne (attore teatrale che più volte aveva rivestito il ruolo del dottor Carelli in Caffè nero). 

Si tratta di uno sfizioso “fuori programma” (inatteso anche lui, al pari dell’ospite!) in scena in anteprima venerdì 27 maggio ore 21 (con repliche fino al 1° giugno) al Teatro Gioiello di Torino.

Il cast è top: protagonisti i beniamini di Forbici Follia con alcuni tra gli attori di Assassinio sul Nilo. Ecco il quadro completo: della Compagnia Torino Spettacoli impegnata ne l’ospite inatteso: Elena Soffiato, Simone Moretto, Barbara Cinquatti, Elia Tedesco, Patrizia Pozzi, Carmelo Cancemi, Giuseppe Serra, Luca Simeone. La regia è di Girolamo Angione e la scena di Gian Mesturino. La traduzione del testo di Agatha Christie è di Edoardo Erba (“The Unexpected Guest” © 1958 Agatha Christie Limited Tutti i diritti riservati). Produzione Compagnia Torino Spettacoli. 

Sul piano del plot, Michael Starkwedder, un ingegnere di ritorno dal Golfo Persico, si perde nella campagna inglese e, complice la nebbia, la sua auto finisce rovinosamente in un fosso; l’uomo riesce ad individuare una casa, immersa nell’oscurità dove sicuramente potrà chiedere aiuto. Bussa alla porta finestra principale ma nessuno apre. Si fa coraggio, la porta è aperta ed entra… Niente è come sembra e la Christie è davvero diabolica nell’accompagnarci fino al colpo di scena finale.  L’ospite inatteso è stato definito con ottime ragioni un giallo alla Alfred Hitchcock: un giallo psicologico; più dei fatti, contano le parole che rimandano alle storie dei personaggi alla loro vita interiore. Ma altrettanto giustamente è stato definito – e resta – il vero capolavoro della regina del giallo: più di Trappola per topi, più di Caffé nero per Poirot, più de La tela del ragno. 

Dalle note del regista: “Strano giallo, L’ospite inatteso di Agatha Christie! In meno di un minuto, all’apertura del sipario, è già tutto chiaro: c’è un delitto, c’è un colpevole e c’è la sua confessione, immediata, spontanea. Il caso è chiuso? Naturalmente, no. Il giallo delle finte verità è appena cominciato. In uno slancio di fervido altruismo, Michael Starkwedder, lo sconosciuto capitato quasi per caso in quella stanza dove ci sono il cadavere di un uomo e sua moglie con la pistola in mano, è il primo che s’affretta a negare la verità (finta) d’una colpevole rea confessa, per inventarne un’altra, altrettanto finta (forse) ma assai più opportuna: la vendetta d’un tale John Mac Gregor per un torto di molti anni prima. Una finta verità a cui tutti, compresa la polizia, credono o fingono di credere. Strano giallo, L’ospite inatteso, eppure magistrale. Per più di metà della vicenda, il fulcro dell’interesse non sta nello scoprire chi sia l’assassino: di fatto, lo si sa dall’inizio; sta piuttosto nel seguire le mosse degli altri personaggi, loro sì realmente coinvolti nel delitto: Laura Warwick, la tormentata moglie della vittima che per prima si dichiara colpevole del delitto; il maggiore Farrar, un opportunista totalmente preso dall’ambizione politica; la devota infermiera, signorina Bennett; perfino l’ambiguo maggiordomo Angell; ma sopra tutti, la straordinaria figura matriarcale della Signora Warwick, vera “regina madre“ di shakespeariana memoria; tutti i personaggi s’indagano tra loro, si scrutano dentro, s’interrogano su come possano essere andate davvero le cose. Ma, si badi bene, non per affermare la propria innocenza, accusandosi l’un l’altro; no, per potersi dichiarare essi stessi colpevoli, allontanando i sospetti dagli altri, in un’insolita gara di fedeltà e solidarietà. Perché? Perché, dietro tutto questo, c’è una storia familiare, bella e brutta, come tutte le storie di famiglia; ci sono sentimenti forti d’amore, odio, dolore, vissuti intensamente, ma spesso taciuti per non intaccare il perbenismo anglosassone. L’ospite inatteso, proprio perché è un estraneo, diviene il testimone silenzioso di quei sentimenti nascosti, di quelle storie difficili e il ricettacolo delle confidenze di tutti; e, in ultimo, il deus ex machina della vicenda.

L’ospite inatteso è stato definito con ottime ragioni un giallo alla Alfred Hitchcock: un giallo psicologico; più dei fatti, contano le parole che rimandano alle storie dei personaggi, alla loro vita interiore, al loro sentire profondo. Ma altrettanto giustamente è stato definito – e resta – il vero capolavoro della regina del giallo: più di Trappola per topi, più di Caffé nero per Poirot, più de La tela del ragno. 

Una scrittura tesissima sostiene una vicenda che avvince e intriga lo spettatore con gli immancabili colpi di scena, le rivelazioni continue, le improvvise svolte drammatiche; ma anche con passaggi di intensa e tenera umanità, dedicati in particolare a Jan, il personaggio più giovane e problematico, amato da tutti e che tutti vogliono proteggere…
Ma chi sia realmente Jan è difficile dire, senza svelare troppo. Per scoprirlo, non resta che venire a teatro”.

Repliche L’OSPITE INATTESO:  
da venerdì 27 maggio a mercoledì 1°giugno al Teatro Gioiello (Torino, via C. Colombo 31)
venerdì, sabato, martedì e mercoledì ore 21 – domenica ore 16

Prezzi Biglietti L’OSPITE INATTESO
mar e mer sera e domenica pomerig: p. unico € 22,50+1,50 – ridotto(und26, ov60) € 16,50+1,50
ridotto speciale (abbonati, convenzionati e gruppi) € 15 + 1
venerdì e sabato sera: p. unico € 24,50 + 1,50 prev
rid. unificato (under 26, over 60, abbonati, convenzionati, gruppi) € 17,50 + 1,50
speciale Ospite in famiglia (2 adulti + 2 und14 ): € 60

Informazioni e acquisto biglietti: Biglietterie Torino Spettacoli 
TEATRO ERBA – Torino, c. Moncalieri 241 – tel 011/6615447; 
TEATRO GIOIELLO – To, v.Colombo 31 – tel. 011/5805768
TEATRO ALFIERI – Torino, p. Solferino, 4 – tel 011/5623800 
online: direttamente al sito www.torinospettacoli.it  e tramite www.ticketone.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.